Gabriele Gallone

Gabriele Gallone

Docente di Risk Management e statistica per la ricerca sperimentale - Università di Torino e Presidente Fondazione Pietro Paci

Quante morti per errori sanitari?

Nel 2013 è stato pubblicato un articolo sul noto Journal of Patient Safety che affermava che i decessi dovuti ad errori sanitari si collocavano (negli USA) tra i 210.000 e i 400.000 all’anno.

Questi dati sono superiori del 400% a quelle che si ritrovano nell’ormai famoso lavoro del 1999 To Err is Human in cui si affermava un numero di decessi tra 44.000 e i 98.000 all’anno.

Come sempre i media hanno dedicato notevole attenzione a questi nuovi dati.

Ma se leggessimo attentamente quello che in realtà è scritto nell’articolo potremmo trovare aspetti poco solidi a sostegno di tale ipotesi.

Il primo è che tutti i decessi vengono considerati prevenibili e ciò è già profondamente sbagliato.

E’ noto infatti che anche applicando le migliori linee guida, sia per la prevenzione della TVP e della embolia polmonare o per le infezioni post-operatorie dopo un intervento di cancro al colon, tali eventi non sono azzerabili.

Se poi esaminiamo come si arriva alla stima di cui sopra, possiamo porvi questa domanda: essa si basa su 4 articoli scientifici il cui numero totale di morti per eventi avversi era:

a. 38
b. 380
c. 3,800
d. 38,000
e. 380,000

Se siete interessati alla risposta leggete questo interessantissimo articolo

Share this post

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email