Gabriele Gallone

Gabriele Gallone

Docente di Risk Management e statistica per la ricerca sperimentale - Università di Torino e Presidente Fondazione Pietro Paci

Identificare le garze in addome con la radiofrequenza

Uno dei problemi parzialmente risolti con la conta delle garze e dei ferri in sala operatoria è il rischio di lasciare in addome uno di questi strumenti o prodotti consumabili.

La conta non ha risolto questa criticità e in un importante studio è stato dimostrata una sensibilità del metodo del 77% circa.

Vi sono diversi fattori di rischio che rendono più probabile questa evenienza. Tra questi l’emergenza connessa ad alcuni di questi interventi, il body mass index, eventi inaspettati o il cambiamento di procedure durante l’operazione, la maggiore durata dell’intervento ed altri ancora.

In un precedente studio dello stesso gruppo di ricerca su 2285 casi esaminati, la tecnica a radiofrequenza è stata in grado di prevenire un near miss di risolvere 35 casi casi di conteggio errato.

Lo studio attuale è stato implementato su pazienti traumatizzati o meno in un arco di 5 anni pervenuti al Los Angeles County Hospital e che presentavano la necessità di interventi urgenti. Sono stati effettuati 2148 interventi su 2051 pazienti.

Con il metodo impiegato sono stati evitati 11 near miss e in nessun caso si sono verificati casi di garze o ferri ritenuti in addome.

Lo studio prevedeva anche un doppio controllo con raggi X. La sensibilità nell’identificare le garze è stata pari al 100%.

Un risultato notevolissimo che riduce anche i tempi dell’intervento in quanto la possibilità di risolvere i casi di errato conteggio evita di perdere 13 minuti a caso.

Il costo appare contenuto rispetto ai potenziali benefici.

ABSTRACT

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email